CENA ARABA PER DONNAFUGATA

“Notte araba in Maremma”

LA CENA ARABA DI DONNAFUGATA IN ALTA MAREMMA A “LA PINETA” DI MARINA DI BIBBONA, UN MITO DELLA CUCINA REGIONALE TOSCANA – VIP ED INTENDITORI PER CELEBRARE UN MENU’ DA “MILLE E UNA NOTTE”, APPOSITAMENTE CREATO PER L’OCCASIONE –

Sapori e profumi d’Arabia in alta maremma toscana, con gran finale di danza del ventre. Donnafugata, ancora una volta, sorprende i propri ospiti creando un menù di grande fascino e suggestione, abbinando pietanze ed ingredienti della cultura araba e siciliana a grandi “piatti” della tradizione gastronomica toscana, il tutto annaffiato dai sublimi bianchi e dai prodigiosi rossi prodotti dall’azienda del Gattopardo.

Una serata da “Mille e una notte”, Venerdì 13 luglio, che – ne siamo certi rimarrà nella memoria dei numerosi vip ed intenditori invitati al ristorante “La Pineta”, sulla spiaggia di Marina di Bibbona, nei pressi di Cecina, uno dei templi della cucina regionale toscana, entrato nella storia per una particolarità su tutte: le prelibatezze ittiche cucinate da Zazzeri, titolare del locale, sono realizzate con pesce che ogni mattina viene pescato direttamente da loro, garantendone così l’assoluta freschezza.

Soavi cous cous d’agnello e di pesce, fritture mirabolanti, crostacei succulenti abbinati ai vini bianchi della vendemmia sotto le stelle 2000, La Fuga, Vigna di Gabri e Chiarandà del Merlo, figli illustri di una terra solare e antica quanto l’uomo. Formaggi di grotta e Pecorino toscano per i rossi della casa, Mille e una notte ’97, un Nero d’Avola – quasi in purezza – diventato un cult dell’enologia italiana e il Tancredi ’99, l’armonia e la rotondità del Nero d’Avola e del Cabernet Sauvignon in un equilibrio felicissimo. Crostate di fichi, cremolate di pistacchi, gelsi e mandorle e scorze di arancia candite velate di cioccolata fondente troveranno nel Ben Ryé 2000 – il passito Doc di Pantelleria più premiato al mondo – la magia e la raffinatezza di un abbinamento sublime, per chiudere il sogno della notte d’Arabia offerto in terra toscana.

A José Rallo di Donnafugata – top manager dell’azienda vitivinicola siciliana – e a Gelasio Gaetani d’Aragona Lovatelli– Gran Mogol del vino di qualità (seleziona gli acquisti per le cantine personali di grandi personaggi come Agnelli e Sting) il compito di svelare i segreti di questi vini dall’identità inconfondibile e dalla struttura internazionale.

Selezionatissima e d’alto rango la piccola platea di ospiti di Donnafugata alla “Pineta”: giornalisti, i patron delle più importanti case vitivinicole italiane, attrici e cantanti, esponenti della nobiltà toscana. Tra gli invitati, anche Sting, la rock star inglese, che ha eletto questa parte d’Italia a sua seconda patria.

A cura di Rocco Lettieri e Ferdinando Calaciura