I vini della BODEGA CATENA ZAPATA a Milano

Milano – Ristorante DON JUAN

I vini della BODEGA CATENA ZAPATA  (since 1902)



Voluto da FEDERICO BRUERA, importatore e distributore di vini dell’Argentina (www.viadellabbondanza.com), si è tenuto un incontro per l’inaugurazione della nuova cantinetta del Ristorante Don Juan a Milano, di proprietà di Giorgio Beretta e Marlene Lopez. Per l’occasione è stata presentata l’azienda argentina BODEGA CATENA ZAPATA di Mendoza, da parte di Guglielmo, export manager, con 4 prestigiosi vini di questa famosa cantina:

Catena Malbec 2015

Catena Alta Malbec 2014

Catena Zapata Nicolas Catena Zapata 2013 (Cabernet Sauvignon 75% + 25 Malbec)

Adrianna VineYard Fortuna Terrae Malbec 2013




Il Ristorante:

Considerato dalla critica specializzata e dal pubblico il migliore ristorante argentino in Italia, a due passi dalla zona dei Navigli e da Piazza Duomo, il Don Juan rappresenta un punto di riferimento della città e dell’alta gastronomia argentina. Gli chef preparano ogni giorno, da oltre 18 anni, piatti tipici nei quali la carne, come vuole la tradizione, sarà sempre la protagonista. Il locale, attraverso una elegante riproduzione di una “casa de campo”, con la cucina classica “parrilla” a vista, ricrea una calda e raffinata atmosfera sudamericana per accompagnare al meglio il buon cibo e la degustazione di grandi vini argentini, cileni e italiani. 

Il ristorante è composto da quattro sale a tema:
1. Sala Bar, arredata con originali boleadoras, strumento di lavoro dei gauchos
2. Sala Vassoi, arredata con vassoi di legno prodotti nelle fattorie delle pampas
3. Sala Griglia Tamburi, con griglia a vista e tamburi fatti a mano
4. Sala Saltena, arredata con cesti e ponchos dalla città di Salta



Uno dei segreti del successo del ristorante Don Juan è la grande attenzione alla materia prima: la carne. Solo le razze bovine allevate secondo la migliore tradizione gaucha ed il rispetto del territorio e della filiera di conservazione del prodotto, fanno sì che quando el bife de chorizo, el asado de tira o la picanha incontrano il calore della brace, si sprigionino sapori unici per il palato… Semplicità, autenticità e rispetto della tradizioni sono le qualità che da sempre contraddistinguono il lavoro degli chef del Don Juan. Il LOMO INTERO (filetto di Angus intero, ideale per 4 persone) rispecchia appieno lo spirito di condivisione ed il piacere di riunirsi a tavola. 



La DEGUSTACION DON JUAN (misto di 3 tagli di Angus pregiati) nasce per soddisfare i “carnivori” più raffinati ed esigenti. Le PETIT GATEAU DE DULCE DE LECHE e gli altri dessert della carta, trasformano un prodotto della tradizione in protagonista della pasticceria.















Don Juan – Argentin Restaurant

Via Altaguardia 2, 20135 Milano (Porta Romana)

Tel: +39 02 58430805 – ristdonjuan@hotmail.com; www.ristorantedonjuan.com

 


*****

BODEGA CATENA ZAPATA & ADRIANNA VINEYARD

Una importante componente del processo di Nicolás Catena Zapata per la produzione di vini di prima classe a Bodega Catena Zapata è stato quello di assemblare la giusta squadra di viticoltori e vinificazione. Nel 1902, il nonno di Nicolás Nicola Catena piantò il suo primo vigneto Malbec a Mendoza. Oggi i vini di Bodega Catena Zapata provengono da sei vigneti storici: Angélica, La Pirámide, Nicasia, Domingo, Adrianna e Angélica Sur 

100 anni e quattro generazioni – (un pò di storia familiare)

Nicolás Catena Zapata è la tranquilla rivoluzionaria del libro di storia della famiglia Catena. Ha tracciato la strada della famiglia alla nuova frontiera della vinificazione, attingendo alle lezioni apprese dalla terra e dall’aula, quindi applicando la sua istruzione per osare sfidare la saggezza convenzionale. Nicola Catena, il nonno di Nicolás Catena Zapata, partì dall’Italia in Argentina nel 1898, lasciando dietro la sua patria europea colpita dalla carestia per una terra di abbondanza e di opportunità. Ãˆ familiare che Nicola, un instancabile ottimista, ha celebrato la sua nuova vita ogni mattina divorando un pezzo di bistecca praticamente grezzo per la prima colazione. Nelle gin-clear air e rolling hillside di Mendoza, in Argentina, credeva fermamente di aver trovato la terra promessa. Nel 1902, Nicola piantò la sua prima vigna Malbec a Mendoza. Sebbene Malbec fosse stata un’uva di fusione a Bordeaux, Nicola sospettava che avrebbe trovato il suo splendore nascosto nelle Ande argentine. Era un’idea che non poteva fiorirsi fino quasi un secolo dopo. Domingo, il figlio maggiore di Nicola, ha ereditato il sogno di suo padre e ha portato la cantina di famiglia al livello successivo, costruendo l’attività di Catena per diventare uno dei più grandi vignaioli di Mendoza. Come suo padre davanti a lui, Domingo Catena credeva fermamente che l’argentino Malbec potesse dare un vino degno come qualsiasi prima crescita di un Bordeaux.




Negli anni ’60 l’economia argentina era in grosse difficoltà. Gli anni di turbolenza continuarono mentre maturava il turno di Nicolás per prendere in mano le redini della cantina di famiglia. Contro uno sfidante contesto di instabilità politica ed economica, con un governo militare che aveva appena dichiarato guerra al Regno Unito, Nicolás si concentrò sull’ampliamento della distribuzione in tutto il paese. Ma agli inizi degli anni ‘80 Nicolás ha avuto un’opportunità che non poteva rifiutare: lasciare l’Argentina per un breve periodo sabbatico per diventare studioso di economia all’Università della California, nel campus universitario di Berkeley. Fino a quel tempo, nessuno nel nuovo mondo aveva sognato di sfidare la Francia sul vino, tranne i californiani che avevano deciso di sfidare l’Europa creando un Cabernet Sauvignon e un Chardonnay che potesse competere con i migliori vini francesi . La California e soprattutto i vigneti innevati della valle di Napa si sono rivelati una strepitosa ispirazione per Nicolás e per sua moglie Elena.Hanno trascorso i fine settimana a visitare le cantine con la loro figlia più giovane Adrianna in uno zaino. E Nicolás Catena Zapata tornò a Mendoza con una visione in mente: una visione californiana. A quel tempo l’Argentina, come il Cile confinante, era percepita come un produttore di vino sfuso. Andando completamente controcorrente, Nicolás vendette la sua azienda produttrice di vino da tavola, mantenendo solo Bodegas Esmeralda, il ramo della cantina della famiglia. Molti dei suoi colleghi in Argentina dissero che Nicolás era “completamente loco” (coiè completamente pazzo). Ma essendo il primo ad esportare vini pregiati provenienti dall’Argentina, Catena creo i presupposti per la preminenza del’Argentina per la qualità dei vini di oggi.




Nicolás cercò di capire e scoprire i migliori posti per piantare vigneti a Mendoza. Sentiva che l’unico modo per fare un salto di qualità sarebbe stato quello di spingere i limiti della coltivazione della vite a Mendoza, assumendosi grossi rischi. Nel 1992 si stabilì su Gualtallary Alto, il punto più alto e più occidentale di Tupungato, fresco, ma protetto dal gelo in una certa misura dai vicini monti. Un luogo in leggero pendio con una piccola collina. Ha chiamato la vigna Adrianna come la figlia più giovane. Il suo agronomo gli disse che il Malbec non sarebbe mai maturato a quelle altezze di Gualtallary. Ma invece fu un successo. Infatti, Nicolás scoprì che Mendoza era eccezionale per la coltivazione della vite, con ogni valle ad alta quota che forniva un sapore e un profumo unico della stessa varietà. Ha scoperto che i poveri terreni vicini alle Ande, scartati dagli immigrati originari europei a causa della loro bassa fertilità, erano in realtà ideali per una viticoltura di qualità; fornivano terroir dove le viti avevano rese naturalmente basse con ottime maturazioni in estate, fornendo vini di grande equilibrio, eleganza e con tannini deliziosamente morbidi.




Poi c’era la sfida di cosa fare di questo Malbec!! Nicolás non aveva prontamente condiviso la fiducia di suo padre o di suo nonno a Malbec. La maggior parte dei vini apprezzati dai collezionisti del vino in tutto il mondo a quel tempo erano blend di Cabernet Sauvignon e/o di Chardonnay, e Nicolás si chiedeva se Malbec potesse mai raggiungere tali qualità per essere apprezzato. Questo era importante per il suo obiettivo principale di fare vini argentini che potevano paragonarsi con i migliori del mondo. Ma dopo che il padre Domingo morì nel 1985, Nicolás forte della sua ideologia dimostrò che la sua idea era giusta. Ci vollero ancora 5 anni di lavoro sul vigneto Angélica, vecchio di più di 80 anni prima di essere soddisfatto per presentare ufficialmente il Catena Malbec 1994.



Fu un grande successo senza riserve. “Onore a Nicolás Catena”, scrisse il famoso critico mondiale Robert Parker Jr. per questa prima annata. E poi è arrivata la classifica come Argentina Malbec # 1 nella prima funzione di Wall Street Journal su Malbec. Ci volle ancora un decennio prima che il Malbec diventasse una varietà di vino ben nota in tutto il mondo. Ma da questo momento Nicolás si trovò di fronte ad un’altra sfida: quali selezioni di viti Malbec avrebbero dovute impiantare nei nuovi vigneti? Dal momento che non esisteva una selezione clonale di Malbec argentina, Nicolás decise di portare “marze” da Cahors, in Francia. Ma se i cloni di Chardonnay francesi  avevano permesso di fare il suo miglior bianco, non così fu per i cloni francesi di Malbec, che diedero vini deludenti; infatti, il francese Malbec dava acini grandi con aromi e sapori rustici. Nicolás decise quindi di fare una selezione clonale privata in Argentina piantando 135 tipologie di Malbec, uno per fila, nel vigneto La Pirámide. Di questi ne selezionò i migliori cinque – quelli con le bacche più piccole, rese equilibrate, per la maggior parte con buona struttura e cominciò a piantarli in terroir e altitudini diversi nella valle Uco. Ancora oggi, le cuttings di Catena, come viene chiamata questa selezione originale, rappresentano una parte importante del profilo degli aromi, dell’eleganza e della tipicità dei Malbec della famiglia Catena.




La nascita della linea Nicolás Catena Zapata

Il 1997 è stato un fenomenale annata per il Cabernet Sauvignon e Nicolás ha iniziato a pianificare un’altra cuvée di qualità superiore, un vino che avrebbe soddisfatto quei sogni agli inizi degli anni ‘80. Il vino, chiamato Nicolás Catena Zapata, dalla figlia di Nicolás, Laura, in onore di suo padre (Zapata è il nome di nozze della madre di Nicolás), era un bland di 95% Cabernet Sauvignon e 5% Malbec. Fu presentato nel 2001 attraverso una serie di degustazioni alla cieca tenute negli Stati Uniti e in Europa dove fu messo a confronto con vini di Château Latour, Haut Brion, Solaia, Caymus e Opus One. La Nicolás Catena Zapata 1997 arrivò sempre prima o seconda in ogni degustazione. Questa la filosofia di Laura Catena: “Ogni singola pianta, non diversa da un paziente, ha le proprie caratteristiche, la propria individualità che dobbiamo preservare”.     

 www.catenawines.com



 

Servizio di Rocco Lettieri

 

Federico Bruera

Via Dell’Abbondanza srl

Via L. Lotto, 29/14

16032 Camogli (Genova)

Tel: +39. 0185 723491

Cell: +39. 334. 3077933

www.viadellabbondanza.com