ProWein 2018 a Dusseldorf

ProWein 2018 a Dusseldorf dal 18 al 20 Marzo 2018

 Comunicato n. 1

 

La mostra speciale della ProWein “same but different” solleva il tema di tendenza dei

Craft Spirits, Craft Beer & Cider – “Alcolici, Birra e Sidro, prodotti artigianalmente”.

 *****

Craft Spirits, Craft Beer & Cider disporranno di un palcoscenico personale alla prossima ProWein

 

Alla prossima ProWein che si terrà dal 18 al 20 marzo 2018, il riflettore sarà particolarmente puntato sul trio di tendenza Craft Spirits, Craft Beer & Cider. La già ben consolidata mostra speciale “same but different” è dedicata a questi prodotti selezionati e prepara per loro un ambiente particolare in un padiglione proprio. â€œSia nell’urban Bar-Szone, che nella Trend-Gastronomie “gastronomia di tendenza” e nel commercio specializzato, Craft Spirits & Co, svolgono un ruolo sempre più importante, trovando in modo crescente una nuova fascia di acquirenti. Questo è un motivo importante per integrare questa tematica all’interno della ProWein“, commenta questa decisione attuale della Messe Düsseldorf  il signor Marius Berlemann, Global Head Wine & Spirits.



 â€œA questo si aggiunge il fatto che, dai dati del nostro sondaggio sui visitatori presenti alla fiera di quest’anno, è risultato che il 45 percento dei nostri visitatori specializzati hanno interesse ad alcolici, prodotti artigianalmente (Craft Spirits) ed il 45 percento alla birra anche essa, prodotta nello stesso modo (Craft Beer). Qui creeremo una rilevante offerta aggiuntiva, per i nostri clienti.”


 Con circa 50 espositori attesi, il padiglione 7.0 direttamente adiacente all’Entrata Nord, diventerà la sede della gastronomia e del BAR alla moda. Anche la fizzz Lounge della Casa Editrice Meininger, l’Hot Spot per i baristi, si trasferisce dalla sua collocazione, avuta finora nel padiglione 12 al padiglione 7.0 di “same but different”. La vasta gamma dell’offerta internazionale di alcolici della ProWein rimane nel padiglione 12.



I produttori di Craft Spirits, Craft Beer o Cider potranno iscriversi già da ora a partecipare alla mostra speciale “same but different”- della ProWein 2018 – nel modo più semplice al seguente sito: https://www.prowein.com/sbd2

 

*****

 Comunicato n. due

 

Il prossimo anno la ProWein si terrà dal 18 al 20 Marzo. Con oltre 6.600 espositori provenienti da tutto il mondo, la superficie espositiva della  Fiera Internazionale per vini e Bevande Alcoliche è già da ora tutta esaurita. Tutte le rilevanti aree di coltivazione del mondo sono qui rappresentate e danno un panorama completo sull’offerta globale di vini. A queste si aggiunge una selezione di circa 400 specialità di bevande alcoliche.


 

Tra i nuovi arrivati si trovano tra l’altro, uno stand collettivo del governo giapponese sul tema Sake come pure un grande stand dell’Ungheria, con diversi tipi di acquavite di frutta, della marca Palinka. La mostra speciale “same but different”, di nuova concezione, si dedica, come già preannunciato, al tema di tendenza delle bevande Craft, molto apprezzato dai visitatori.  Circa 50 espositori presenteranno i loro prodotti come Craft Spirits, Craft Bier “Birra e Cider “Cedro”. Questa mostra speciale verrà completamente spostata nel padiglione 7.0, così che un ulteriore padiglione si aggiungerà a quelli già esistenti della ProWein. Anche la fizzz craft Lounge,  della Casa Editrice  Meininger Verlag, Hot Spot per i baristi, si trasferisce nello stesso padiglione di “same but different” così che la scena internazionale del bar e della gastronomia troverà qui il suo ambiente adatto. Una nuova ubicazione riceveranno anche gli espositori della Grecia. Alla prossima ProWein esporranno insieme all’Austria ed alla ProWein Tasting Area by Mundus Vini,  nel padiglione 17.


 

Più ampio e più completo sarà invece il settore Bio nel padiglione 13 della ProWein. I visitatori specializzati troveranno qui tutte le rilevanti Associazioni di Agricoltura Biologica della Germania, Italia e Francia così anche numerosi espositori individuali provenienti da tutto il mondo. Anche la mostra speciale Organic World è in una fase di crescita. Alla ProWein 2018 saranno presenti circa  40 espositori internazionali. Il settore Bio verrà completato da un adeguato concetto gastronomico: la Lounge Organic, così come da una propria un’area per conferenze. Una vasta e molteplice offerta sarà mostrata anche nel padiglione 9, in cui saranno presenti, in forma completa, tutti gli espositori d’oltremare. Qui si riscontra un incremento nei diversi gruppi d’oltremare come per esempio l’Australia, l’Argentina, il Cile, il Canada, la Nuova Zelanda, il Sud Africa e l’USA.

 

Molte offerte emozionanti e complementari

Anche il Programma della ProWein 2018 è valutato positivamente: sono previsti numerose degustazioni nel Forum della ProWein, nel padiglione 10 e 13. A queste si aggiungono numerosi eventi direttamente negli stand degli espositori. La gamma di circa 500 manifestazioni, spazia dalle degustazioni a livello nazionale fino alle presentazioni globali, come la zona di degustazione dell’internazionale “Premio Vinicolo Mundus Vini”. Tra i punti forti del programma, la singolare Champagne Lounge con 40 Case tradizionali di Champagne. Questa sarà collocata al centro dell’Area Champagne in cui si presenterano circa 150 Marchi. Lo speciale show “Packaging & Design” completerà l’offerta della ProWein e mostrerà le tendenze attuali e gli sviluppi nel settore del confezionamento.

 



Further Information:

www.prowein.de

or in the social networks

Facebook: www.facebook.com/ProWein.tradefair

Twitter: https://twitter.com/ProWein

i. A. Christiane Schorn
Pressereferentin / Manager Press Department
G2-PR / Presseabteilung / Press Department

i.A. Brigitte Küppers

Sachbearbeiterin / administrator

G2-PR/Presseabteilung/Press Department

Tel.: +49 (0) 211 4560-929

Fax.: +49 (0) 211 4560-87929

KueppersB@messe-duesseldorf.de

www.prowein.com

www.facebook.com/ProWein.tradefair


Messe Düsseldorf GmbH

Stockumer Kirchstr. 61

40474 Düsseldorf

Germany

www.messe-duesseldorf.de

www.messe-duesseldorf.com

 

Per ulteriori informazioni vi preghiamo di volervi rivolgere a:

Nicole Funke (FunkeN@messe-duesseldorf.de

Tel: +49 (0) 211 4560 499)

e

Selina Weissig (WeissigS2@messe-duesseldorf.de

Tel: +49 (0) 211 4560 7749)

 


*****

Comunicato n. 3


Il successo dei vini naturali al di fuori delle luci della ribalta

di Paula Redes Sidore e Stuart Pigott

Il momento del vino naturale è apparentemente venuto e andato, ma il vino naturale è ancora molto presente. Ti stiamo incoraggiando a dare a questa tendenza una rinnovata attenzione durante la ProWein 2018, perché informerà ciò che il tuo naso e il tuo palato ti stanno dicendo in stand-by quest'anno: molte intuizioni cruciali a lungo sostenute da viticoltori naturali stanno finalmente filtrando nelle decisioni di più produttori di vino tradizionali.

 

Qualsiasi discussione sui vini naturali deve iniziare con una definizione di termini. A differenza di “organico”, “biodinamico” o “arancione”, non ci sono regole legalmente vincolanti o restrizioni concordate. Il “vino naturale” è invece un marchio ombrello che intende implicare vini il cui focus si concentra su un'espressione intransigente di un tempo e di un luogo che utilizza l'intervento minimo e la manipolazione tecnologica zero. Alcuni anni fa, alcuni dei più importanti giornalisti del settore del vino avevano previsto che i vini naturali avrebbero effettivamente raggiunto un importante traguardo nel mercato di massa. Con moniker sexy come “nudi”, il ragionamento dei giornalisti era comprensibile. Questi vini, come lo stile fresco e concentrato dell'Azienda Agricola Elisabetta Foradori nelle Dolomiti (padiglione 13 / C64), o la chiarezza e la precisione del Weingut Claus Preisinger (padiglione 17), irradiano autenticità, tipicamente in un pacchetto organico, e portare un nome che almeno in Occidente suggerisce il santo graal della salubrità – tutti fattori che hanno un grande impatto sui consumatori di oggi.


 

Il boom non si è mai materializzato come previsto. I vini naturali non sono mai semplici e spesso dividono. I profili di sapore tendono verso il selvaggio, stimolante e stimolante. Ciò che alcuni potrebbero sostenere come “vibrante, vivo e … pieno di emozioni “(Isabelle Legeron, MW) sono condannati da altri come sentori di negativi, nuvolosi, di fango e di scarso interesse. C’erano anche altri fattori, tra cui quantità limitate e un crescente contraccolpo contro i costosi prodotti di “movimento” a misura di hipster.

 



C'è un'altra spiegazione plausibile: l'incapacità di rompere in grande può semplicemente essere un sottoprodotto inerente all'etica del vino naturale. Questo stile comporta intrinsecamente una produzione rischiosa e costosa con basse rese; qualsiasi tentativo di produrre in serie questi prodotti neutralizza la propria argomentazione per l'esistenza. È veramente un genere che prospera su un palcoscenico più piccolo e sarebbe estremamente difficile provare a produrre vini di questo tipo per il prezzo da 9,99 €/US $, non importa se inferiore. C'è un paragone istruttivo per trarre da un movimento analogo su un supporto diverso: musica stonata. Le sue armonie dissonanti degli anni '90 sono state derise come “rumore” da alcuni, oppure celebrate come “crude” da altri. Ha sfoggiato i principi della musica popolare e secondo un critico, ha favorito “l'energia e la mancanza di finezza rispetto alla tecnica e alla precisione”. Era la musica punk di una generazione precedente, ma con una predisposizione introspettiva che si adattava alla generazione X.


Eppure, poiché non esiste una certificazione, identificare i produttori naturali può essere un pò come cercare di trovare la porta anonima di un Speakeasy di New York durante il proibizionismo. Quindi qui abbiamo identificato alcune regioni e produttori per darti un vantaggio. Inizia con la Georgia, i cui produttori hanno riscoperto molte antiche tradizioni del paese, stili ossidati e seducenti rossi selvaggi. Andare in Slovenia, dove una varietà di proprietà hanno abbracciato i vini naturali fermentati con la pelle con i loro aromi complessi, saporiti e sapori strutturati e meditativi complessi.

 

L'Europa occidentale è parte della tendenza in questo modo. In effetti, il Beaujolais è certamente accettato come la culla del vino naturale grazie a Jules Chauvet, così come a profeti più moderni come Marcel Lapierre e Guy Breton. Tuttavia, per molti professionisti del vino, i vini di Eric Texier nel Rodano e Catherine e Pierre Breton in Bourgueil reggono la torcia per bellezze sulfuree e minime con una complessità gioiosa, vivida e aromatica. Poi c'è la nuova generazione nella Valle della Loira dove Virginie Joly ha preso le redini della tenuta Coulee de Serrant (padiglione 13/C64) da suo padre, il profeta del vino naturale Nicolas. Molti viticoltori tedeschi possono essere trovati presso gli stand raccolti dell'importatore tedesco Vinaturel (padiglione 13/C64) o Ecovin (padiglione 13/C80-84). I singoli produttori possono essere trovati al Wein Salon Natürel di Colonia il sabato prima di ProWein. Assicuratevi di controllare il vinaio di Pfalz Andreas Durst con i vini in parti uguali di tensione, sfida e chiarezza; i vini rossi brillanti e senza zolfo di Weingut Lay a Baden e assaporano l'armonia interiore della tenuta Mosel Weingut Melsheimer.

Non fermarti alle nostre raccomandazioni; chiedi a ciascuno di questi viticoltori che ti suggeriscono di assaggiare il prossimo. Anche tu puoi osservare che il movimento ha raggiunto un'impressionante diversità stilistica: il melting pot o la capsula di Petri, a seconda del punto di vista. Sicuramente lo standard tecnico della vinificazione ha fatto un grande balzo in avanti negli ultimi anni. Ma alla fine, vivere nel settore slow lane significa controlli interni intrinseci ed equilibrio, un compromesso che ha sostenuto la tendenza senza costringerla a contraddire il proprio imperativo morale. L'impatto è reale. È tempo che gli scettici prendano sul serio il campo.

Link esterno alla pagina effettiva:

https://www.prowein.de/ProWein2018_Specialist_article_NaturalWines_E 

i.A. Monika Kissing

Senior Manager Stampa e PR

Tel: +49 (0) 211-4560 543

Fax: +49 (0) 211-4560 87543


Messe Düsseldorf GmbH

Stockumer Kirchstr. 61

40474 Düsseldorf

Germania

www.messe-duesseldorf.de

www.messe-duesseldorf.com

Servizio a cura di Rocco Lettieri

rocco.lettieri@simpatico-melograno.it

Cell: +39. 368. 925312

Italy – Cantù (Como)


P.S.) Le foto sono dell'edizione ProWine dello scorso anno