COLLISIONI FESTIVAL AGRIROCK 2017




COLLISIONI nona edizione a BAROLO

 

11 – 18 Luglio 2017

Conoscete la cittadina di Barolo, paesino che fa parte degli 11 comuni dove è possibile vinificare e produrre il nobile Barolo: il re dei vini?  Gli altri comuni sono: La Morra, Monforte, Serralunga d’Alba, Castiglione Falletto, Novello, Grinzane Cavour, Verduno, Diano d’Alba, Cherasco e Roddi. Grazie alla caparbietà di Camillo Benso Conte di Cavour e di Giulia Colbert Falletti, ultima marchesa di Barolo, si cominciò a produrre, a metà dell’Ottocento, un vino eccezionalmente ricco e armonioso, destinato a diventare l’ambasciatore del Piemonte dei Savoia nelle corti di tutta Europa. E sapete quanti sono gli abitanti “barolesi”? 739 nel censimento del 2014. E sapete quante piazze ha questa cittadina? Cinque di cui 4 sono riservate per la manifestazione Collisioni (Festival dell’Agrirock) che sono state denominate: Piazza Rossa; Piazza Blu; Piazza Rosa e Piazza Verde.  Ogni piazza avrà dall’11 al 18 Luglio un festival diverso. Punto di incontro tra grandi nomi provenienti da tutto il mondo in un intreccio di arte, vino, cibo, letteratura, musica, cinema, degustazioni. Il tutto sotto la regia di Filippo Taricco, anche direttore artistico.

 


Agrirock-Collisioni è una marea umana che si ritrova ogni anno a Barolo per associare alla grande musica e alla letteratura internazionale i grandi vini e i grandi prodotti della cucina piemontese e italiana, persone desiderose di informarsi, comprendere meglio, incontrare direttamente i produttori che vengono da tutte le regioni d’Italia. Molti gli stand regionali dedicati alle grandi eccellenze della cucina italiana, stand dove i cuochi e i produttori possono incontrare il pubblico declinando la loro sapienza in chiave street food. Una manifestazione pensata anche per i giovani curiosi di conoscere e di sperimentare nuovi approcci al cibo e al vino. Per loro il palco previsto all’interno del cortile del Castello vedrà racconti inediti, dove loro stessi saranno protagonisti. Non lezioni ma rappresentazioni ed animazioni di un mondo, quello agroalimentare, a cui i giovani stanno ritornando con entusiasmo e volontà di innovare. Un parterre di grande prestigio che caratterizza Collisioni, un segnale forte voluto da Ian D’Agata e Filippo Taricco per aiutare concretamente i produttori a penetrare i mercati esteri attraverso chi il vino lo acquista, lo suggerisce, lo promuove e lo consuma ogni giorno. Qui ci sono i giovani (oltre il 50% dell’immenso pubblico del Festival è under 30), che assetati di conoscenza parlano agli autori, ai cantanti, ai registi e alle grandi star, sono loro che si rivolgono ai produttori che hanno scelto di scendere dalla cattedra per mescolarsi nel mare di idee ed emozioni che un grande vino o un grande prodotto di alta cucina sa comunicare, senza troppe parole. Crescono ogni anno le aziende e i territori che cercano un rapporto diretto con il pubblico, proprio quello che negli ultimi anni si sta consolidando anche on line, disintermediando critici e guide. Perché i “Millennials” non sembrano gradire molto chi si cala dall’alto, ma amano sperimentare, scoprire piccole realtà meno note, privilegiare l’aspetto socializzante in un percorso di conoscenza più infedele e avventuroso.

*****

In tutto questo contesto non poteva mancare la presenza del wine writer (nato in Venezuela, ora negli Usa), più famoso al mondo, Antonio Galloni, presidente e direttore generale di VINOUS, con un ricco programma di ospiti e conferenze di un mondo culturale sempre più internazionale, con il creativo Progetto Vino, ideato con Ian D’Agata. Ian D’Agata è personaggio importante da anni in questo settore tantè che a Marzo scorso è stato premiato in Canada con il CUVÉE AWARD OF EXCELLENCE presso il Scotiabank Convention Centre Niagara Falls (Canada). Il Cuvée Award of Excellence, è uno dei riconoscimenti di vini più ambiti dello Stato dell’Ontario, mai vinto prima da un italiano. L’evento, giunto alla sue 28esima edizione è organizzato dal Cool Climate Oenology and Viticulture Institute, scuola affiliata alla Brock University; viene  ogni anno assegnato a un individuo, una azienda o una istituzione per  meriti inerenti alla promozione e alla divulgazione del vino dell’Ontario nel mondo e rappresenta dunque un traguardo importante per Ian D’Agata, da sempre interessato alla ricerca scientifica in ambito vinicolo. 

Il premio è stato consegnato dal decano dei giornalisti canadesi Tony Aspler, che ha così espresso le ragioni della scelta del comitato: “Ian ha meritato questo premio per tutto quel che fa e ha fatto negli anni per il vino dell’Ontario (e non solo); trattasi di un  riconoscimento di eccezionale importanza, basta sapere che nessun giornalista, nemmeno canadese, lo ha mai vinto. Il che sottolinea ancora di più l’eccezionalità del lavoro svolto da Ian, e che tutti noi apprezziamo immensamente”.  Ian D’Agata è pure consulente scientifico di Vinitaly International e Direttore scientifico di Vinitaly international Academy, il suo Native Wine Grapes of Italy ha vinto il 2015 Louis Roederer International Wine Awards Book of the Year, cioè l’Oscar dei libri del vino, mai vinto prima da un italiano. Contributing Editor di Decanter (GB), è anche responsabile di redazione per i vini del centro e sud Italia, Alsazia e Canada per Vinous (USA). È corrispondente italiano della rivista cinese TasteSpirit e insegna cultura enologica italiana nel Master’s Program del corso Food Sciences della New York University (USA). Direttore Creativo del Progetto Vino di Collisioni, dichiara: “Sono felice di aver contribuito a creare un progetto culturale sul vino che punta ad essere di assoluto prestigio e di ampio respiro internazionale. Collisioni è un festival eccezionale che riesce come nient’altro in Italia a mettere insieme artisti di valore unico conosciuti in tutto il mondo quali Sting, Mark Knopfler e premi Nobel per la letteratura, come Herta Muller o Vidia Naipaul utilizzando la cultura e lo spettacolo come strumenti per la promozione dei prodotti enogastronomici di tutte le regioni italiane in patria e all’estero. Nel pensare e costruire il programma – reso possibile grazie alla collaborazione delle tante realtà  regionali e consorzi di tutela italiani che da anni sostengono il festival – ho cercato di rispondere ad una doppia esigenza: da un lato invitare alcuni dei più autorevoli critici vinicoli e giornalisti al mondo, per creare una consuetudine tra la scena internazionale della critica vinicola, i produttori, i consorzi di tutta Italia e i loro vini. Dall’altra, creare panel di degustazioni e incontri di carattere didattico che fossero comprensibili a un vasto pubblico. Incontri dinamici e accattivanti per non deludere le migliaia di appassionati che ogni anno da tutta Italia e dall’estero vengono a Collisioni anche per scoprire i grandi vini italiani e imparare a degustarli”.


Antonio Galloni è nato in Venezuela; il suo amore per il vino si sviluppa dalla più tenera età. I suoi genitori vendevano vini italiani e la nonna era appassionata di Bordeaux, Burgundy e Rhône. Da ragazzo, tuttavia, era più interessato a ragazze e chitarre che allo studio. Dopo anni dedicati alla musica, Antonio, si trova ad un certo punto a lavorare nella ristorazione dove viene in contatto con i vini della California, vendendo vini di produttori che diverranno presto famosi quali Alban, Harlan Estate and Shafer. Con un lavoro temporaneo alla Putnam Investments di Boston, viene trasferito a Milano. Dal 2000 al 2003 viaggia per l’Italia per incontrare clienti e ha l’opportunità di scoprire in prima persona la vastità culturale che è l’Italia. Antonio trascorre pressoché ogni momento libero nelle cantine di Piemonte, Toscana e Friuli e nel 2003, tornato negli USA, inizia a scrivere una newsletter sui vini del Piemonte, mettendo insieme l’esperienza di immersione nella scena vinicola italiana, le influenze del suo periodo oltreoceano e l’ampiezza mentale degli anni di studio e pratica musicale. Piedmont Report viene inaugurato nel 2004 e riceve iscrizioni da più di 25 Paesi, stabilendosi come la prima guida al mondo per vini del Piemonte. Nel 2013 nasce per sua mano Vinous. Prima di dedicarsi a Vinous, Galloni è stato il critico di punta a The Wine Advocate e ha seguito il più seguito bollettino di vini italiani e ha co-diretto la produzione video di TWA. Ha sviluppato eventi pubblici e seminari come l’attesa “La Festa del Barolo”, verticali di vini italiani e cene filantropiche. “Il vino italiano non ha nulla a invidiare a quello francese. Se pensiamo al clima, la geologia, i vitigni che ha l’Italia, abbiamo tutto per essere i numeri uno anche nel vino” dichiarò Antonio Galloni durante la conferenza tenutasi a Collisioni dello scorso anno.


Ultima novità di Ian D’Agata: nasce W.E.B. (Wine Educational Board), un sito, che lavorerà tutto l’anno con esperti di livello internazionale: www.wineducationalboard.com – per info: info@wineducationalboard.com – 

filmato: http://www.wineducationalboard.com/it/index.php.




LA STORIA DEL COLLISIONI FESTIVAL

Il Festival Collisioni, promosso dalla Regione Piemonte, è stato ideato nel 2009 da un team artisti formato da giornalisti e scrittori italiani, interessati a trovare una formula capace di parlare alle nuove generazioni e ad abbattere gli steccati tra i diversi linguaggi artistici. Fin dalla prima edizione leggendaria, nel 2009, sono intervenuti gratuitamente alcuni dei più importanti scrittori italiani come Alessandro Baricco per dialogare con la platea d giovani in una lezione aperta sulle tematiche più urgenti relative alle nuove generazioni. Il festival è cresciuto in modo esponenziale negli anni, diventando teatro per grandi concerti e incontri, raddoppiando a ogni edizione il numero di spettatori. La tipologia del pubblico è costituita per metà da giovani under 30. Collaborano come volontari almeno 500 ragazzi dal Piemonte e da tutta Italia, preparando interviste, radio web, video e organizzando concerti di musica emergente sul palchi secondari. La presenza di migliaia di giovani in paese contribuisce a creare un’atmosfera molto particolare e vivace, insolita per un festival di letteratura, che rende Collisioni una realtà davvero unica nel panorama dei festival europei. Grandi apprezzamenti su Collisioni sono stati fatti da artisti come Bob Dylan, Patti Smith, Salman Rushdie, Paul Auster, Michael Cimino, Jamiroquai.


COLLISIONI FESTIVAL 2017   – Il programma (ancora in fase di cambiamenti)

Torna come ogni anno a Barolo l’immancabile appuntamento dell’estate italiana con il festival Agrirock Collisioni che ha richiamato in questi anni nelle Langhe piemontesi Patrimonio dell’Umanità, centinaia di migliaia di visitatori attratti da una formula unica in Europa in cui la grande musica internazionale, i massimi scrittori della letteratura mondiale, e la tradizione dei grandi vini e dei prodotti agricoli del made in Italy si incontrano, in un unico contenitore per dialogare, tracciare nuovi percorsi e  scambiarsi esperienze. In fase di lavorazione le prime novità cominciano a delinearsi. 

Una straordinaria novità per il Festival Collisioni è il grande concerto-evento d’apertura di venerdì 14 Luglio e di sabato 15 Luglio 2017 che vedrà esibirsi insieme (in due serate) tre famosi artisti italiani: Daniele Silvestri, Carmen Consoli e Max Gazzé in un progetto esclusivo, ideato e prodotto dalla OTRlive insieme a Collisioni, unica produzione italiana in cartellone, studiato appositamente per il Festival Agrirock di Barolo. Ma quella del 15 luglio 2017 sarà la notte musicale più lunga dell’estate. Daniele Silvestri, Carmen Consoli e Max Gazzé saliranno insieme sul palco di Barolo per cinque ore non stop di musica, con esibizioni di musicisti emergenti che prepareranno l’ingresso dei tre artisti, in una serata di pop/rock italiano che si annuncia memorabile. Per favorire il pubblico più giovane il Festival Collisioni ha scelto di mantenere basso il prezzo del biglietto a soli 20 euro più diritti di prevendita. Un costo calmierato per permettere a tutti di partecipare. Per poter allestire questo grande concerto-evento gli artisti, i musicisti e lo staff OTRlive si trasferiranno in Piemonte per alcuni giorni di grande lavoro e creatività, mettendo a punto le idee e il progetto che già ora è in fase di elaborazione. Non è mai accaduto prima che suonassero tutti e tre insieme, e soprattutto mai prima d’ora i tre artisti avevano sviluppato un vero progetto collaborativo insieme. BIGLIETTI: I biglietti per il concerto di Daniele SILVESTRI – Carmen CONSOLI – Max GAZZE’  sono in vendita sul circuito TicketOne: 20€ + diritti di prevendita.


Domenica 16 Luglio ci saranno i Placebo per la loro unica tappa in Italia. Dopo aver entusiasmato i fan italiani con un incredibile sold-out al Mediolaum Forum di Milano lo scorso novembre, Brian Molko e compagni saranno i protagonisti dell’attesissima nuova edizione di Collisioni Festival. Il tour, ‘20 Years of Placebo, celebra il ventesimo anniversario della pubblicazione del loro album di debutto ‘Placebo’. In scaletta la band propone tutte le canzoni più importanti del loro repertorio. Brian Molko ha detto scherzosamente: “Diciamo solo che ci saranno in scaletta canzoni che avevo giurato di non suonare mai più. Penso sia giusto dare ai nostri fan quello che vogliono ascoltare veramente. Sono stati molto pazienti con noi, perché raramente proponiamo i brani più commerciali. Un anniversario di 20 anni è il momento giusto per farlo. Questa è l’intenzione. Questo tour è soprattutto per i fan; per noi è l’occasione di rivisitare un sacco di vecchio materiale. Quindi, se volete vederci suonare dal vivo canzoni come ‘Pure Morning’ e ‘Nancy Boy’, che non facciamo da quasi dieci anni e probabilmente non faremo mai più, farete meglio a venire! Ci saranno anche altre sorprese.”

BIGLIETTI: I biglietti per il concerto dei Placebo sono già in vendita su Ticketone e sugli altri circuiti di vendita autorizzati. 40 euro + diritti di prevenditainfo@collisioni.it  – tel: +39 389 2985454

 

Dopo lunghi mesi di silenzio e lavoro, finalmente Collisioni può annunciare l’arrivo della super star inglese, Robbie Williams, che salirà sul palco di Collisioni lunedì 17 luglio 2017. I biglietti per il concerto di Robbie Williams sono in vendita tramite il circuito TicketOne: www.ticketone.it

 

Sarà Renato Zero l’ultima star dell’edizione 2017 di Collisioni, il festival agrirock a Barolo. L’artista si esibirà in concerto martedì 18 luglio 2017, a chiusura della quattro giorni musicale che arricchisce il programma della rassegna di letteratura, musica e food che propone (come già detto) due serate con Max Gazzè, Carmen Consoli e Daniele Silvestri – 14 e 15 luglio – Placebo (16 luglio) e Robbie Williams (17 luglio). Quello di Renato Zero sarà un concerto raccolto, con posto a sedere, per poco più di un migliaio di “sorcini”: si chiama “Zerovskij… per amore”, ed è l’inedito e innovativo progetto del cantante che sceglie ancora una volta un linguaggio unico e rivoluzionario per celebrare i suoi primi 50 anni di carriera. Renato Zero sarà accompagnato da un’orchestra sinfonica di 61 elementi, 30 coristi e 7 attori, per tre di spettacolo, tra brani inediti e successi del passato, luci ed effetti scenici. “E’ un sogno che si fa realtà e che è nato durante un incontro proprio a Collisioni due anni fa – commenta il direttore artistico Filippo Taricco – Mi sento orgoglioso per Barolo e per tutto il Piemonte di essere stati scelti tra tanti festival prestigiosi in Italia per questa opera unica di arte, poesia, musica”. Non c’è che dirlo. Un’ottima annata per Barolo. 

La direzione artistica stava aspettando proprio lui,  e ora il  sogno si è fatto realtà. E’ ufficiale. Vita, Odio, Amore, Tempo e Morte. Tutti in carne e ossa. Sono loro i protagonisti di “ZEROVSKIJ… per amore”, l’inedito e innovativo progetto di RENATO ZERO. Più di un concerto… una sinergia tra le arti, tra musica dal vivo e recitazione. Tre ore di magia, tra brani inediti e grandi successi del passato, luci ed effetti scenici, in cui la diversità sfida la normalità, e Renato Zero dimostra ancora una volta la sua capacità di raccontare il nostro tempo, attento come sempre a rappresentare l’interiorità con tutte le sue diverse sfumature. I biglietti per Renato Zero a Barolo sono già in vendita sul circuito TicketOne, Vivaticket, Ciaotickets e Piemonteticket, nostri rivenditori autorizzati. Prezzi: Platea Arancione: 90€ comprensivo di prevendita; Platea Gialla: 85€ comprensivo di prevendita; Platea Verde: 80€ comprensivo di prevendita; Platea Blu: 60€ comprensivo di prevendita

 info@collisioni.it oppure +39 389 2985454

*****

COLLISIONI FESTIVAL www.collisioni.it 

www.facebook.com/CollisioniFestival – 

Twitter: @collisioni – Instagram: Collisioni

 

 


Servizio a cura di Rocco Lettieri