St. Moritz Gourmet Festival 2023: dal 20 al 28 gennaio 2023 – Cucina Mediorientale

St. Moritz Gourmet Festival 2023

dal 20 al 28 gennaio 2023

 

Questo è un must assoluto per tutti gli amanti della buona tavola: il St. Moritz Gourmet Festival si svolgerà per la 29esima volta, dal 20 al 28 gennaio 2023, nell’Alta Engadina all’insegna del motto “Cucina mediorientale“, dove i buongustai di ogni genere si riuniranno per degustare le prelibatezze preparate dai rinomati chef ospiti e dagli Executive Chef degli hotel partner e scambiare così opinioni durante gli eventi del festival.

La prenotazione anticipata degli ambiti biglietti inizia il 2 novembre 2022.

La cucina del Medio Oriente delizierà i buongustai di tutto il mondo con la sua creatività e varietà di sapori. C’è qualcos’altro che contraddistingue la cucina mediorientale: in nessun altro luogo il senso di comunità è più celebrato durante i pasti. Che si tratti di Emirati Arabi Uniti, Israele, Libano, Siria, Marocco, Iran o Turchia, mangiare è un atteggiamento di vita e sempre un’esperienza comunitaria. Stare insieme ai propri cari a una lunga tavola, condividere i piatti, scambiarsi opinioni, divertirsi insieme: questo è ciò che conta. Il favoloso paesaggio innevato invernale di St. Moritz sarà lo sfondo perfetto per i piatti colorati.

St. Moritz Gourmet Festival 2023: fuochi d’artificio del gusto per tutti i sensi

Il programma del festival e gli chef ospiti sono stati presentati alla conferenza stampa tenutasi all’hotel Baur au Lac di Zurigo. Dieci dei membri più influenti della “cucina mediorientale” verranno a St. Moritz a gennaio per viziare gli ospiti del festival. “Gli chef ospiti del St. Moritz Gourmet Festival 2023 uniscono nei loro piatti influenze di diverse culture culinarie e combinano ingredienti e metodi di preparazione tradizionali dell’Oriente e del Nord Africa con moderne tecniche di cucina del mondo occidentale”, ha affermato Fabrizio Zanetti, capo chef alla “Suvretta House” e direttore culinario del St. Moritz Gourmet Festival. Tutti gli chef ospiti hanno in comune il desiderio di avvicinare il ricco patrimonio culinario dei loro paesi d’origine a coloro che sono interessati al cibo gourmet. “Insieme agli Executive Chef di prim’ordine degli hotel partner del festival, verrà creato un fuoco d’artificio di sapori per tutti i sensi e soddisferà i più elevati standard di divertimento“, ha promesso Martin Scherer, presidente dell’Associazione del festival gastronomico di St. Moritz e direttore di l’Hotel Saratz a Pontresina.

Scopri da vicino i migliori chef della “cucina mediorientale”.

All’hotel “Waldhaus Sils”, lo chef turco Musa Dağdeviren è ospite dell’Executive Chef Gero Porstein. Dağdeviren è noto a molti per la serie di documentari gastronomici Netflix “Chef’s Table”, in cui è apparso nel 2018. La sua missione: con la sua cucina vuole creare una sorta di atlante alimentare della Turchia. Nel suo ristorante “Çiya” a Istanbul, serve piatti dal 1987, con ricette che ha raccolto da cuochi e massaie di tutte le regioni del paese. Utilizza esclusivamente prodotti stagionali di piccoli produttori e agricoltori della regione.

*****

All’Hotel Saratz, l’Executive Chef Kari Walker dà il benvenuto a Silvena Rowe. La chef turco-bulgaro ha contribuito a fondare il ristorante “Omnia” a Dubai come comproprietario ed è oggi considerata una dei principali “cuochi del benessere” nell’area del Golfo. Per cinque anni, “Omnia” è stato tra i 100 migliori ristoranti di Dubai e ha già vinto il premio “Miglior ristorante salutare” degli Emirati Arabi Uniti e il premio “Innovation Chef of the Year”. Attualmente Rowe gestisce la caffetteria “Al Botanica” così come i ristoranti “Nassau” e “Indian Kitchen by Chef Silvena” nel prestigioso golf e country club “Jumeirah Golf Estates”.

*****

Athanasios Kargatzidis è ospite di Mauro Taufer al “Kulm Hotel St. Moritz”. Nato in Grecia, è cresciuto in Canada e ha studiato al rinomato Dubrulle Culinary Institute di Vancouver. Ha sviluppato la sua firma culinaria durante i suoi viaggi in tutto il mondo, ma fa sempre riferimento alle sue radici greche con la sua moderna cucina fusion. In qualità di comproprietario, Kargatzidis ha aperto il ristorante “Baron” a Beirut, uno dei migliori ristoranti di tutto il Libano. Nel 2022 si è classificato al 12° posto nella classifica dei “50 migliori ristoranti del Medio Oriente e del Nord Africa” ​​ed è primo nella classifica dei “50 migliori ristoranti del Medio Oriente e del Nord Africa – Libano”.

*****

Tomer Tal, uno stellato della scena gastronomica israeliana, è ospite dell’Executive Chef Gian Nicola Colucci al “Grand Hotel des Bains Kempinski”. Il suo ristorante gourmet “George & John” con la sua moderna cucina israeliana nell’hotel 5 stelle superior “The Drisco” a Tel Aviv è uno dei ristoranti più rinomati del paese. Nel 2022 si è classificato al nono posto tra i 50 migliori ristoranti dell’intero Medio Oriente. Prima di diventare capo chef al “George & John”, Tal ha cucinato in alcuni dei migliori ristoranti di Israele, inclusi quattro anni come capo chef allo “Yaffo”, il ristorante del famoso chef Haim Cohen. La cucina creativa di Tal si ispira allo stile multiculturale di Tel Aviv.

*****

 

Raz Rahav cucinerà con l’Executive Chef Fabrizio Crespi al “Carlton Hotel” St. Moritz. Nel 2016, Rahav ha realizzato il suo sogno e ha aperto il ristorante “OCD” a Tel Aviv, nome che sta per disturbo ossessivo compulsivo. Il suo menu di 19 portate viene servito a soli 19 ospiti a sera. I piatti combinano tecniche della cucina del Mediterraneo orientale e dell’alta cucina, con ricette e sapori del patrimonio culinario pan-ebraico e israeliano. In soli sette anni, il capo chef Raz Rahav si è fatto strada tra i vertici della cucina mediorientale, classificandosi al terzo posto nella classifica dei “50 migliori ristoranti di MENA” nel 2022.

 

******

L’Executive Chef Fabrizio Zanetti di “Suvretta House” dà il benvenuto a Sami Tamimi. Nato in Palestina, ha iniziato la sua carriera a Gerusalemme, si è trasferito a Tel Aviv all’età di 21 anni, ha aperto un’attività di catering ed è diventato capo chef del “Lilith”, allora uno dei ristoranti più rinomati di Israele. Tamini vive a Londra dal 1997. Ha conosciuto Yotam Ottolenghi presso la gastronomia “Baker & Spice”, e insieme hanno aperto nel 2002 il primo “Ottolenghi Deli” a Notting Hill. Oggi, oltre a cinque filiali della gastronomia, il team possiede anche due ristoranti, “NopiI” e “Rovi”, a Londra. Tamimi e Ottolenghi hanno pubblicato due libri di cucina; e Tamimi ha scritto il suo terzo libro, “Falastin”, insieme a Tara Wigley.

******

Imab Alarnab cucinerà con l’Executive Chef Janko Glotz presso l’hotel “Nira Alpina”. A causa della guerra, il ristoratore siriano di successo Alarnab, che un tempo possedeva diversi juice bar e caffetterie a Damasco, è arrivato in Europa attraverso il Libano. In fuga, cucinava per persone con la stessa sorte, a volte per un massimo di 400 persone alla volta. Nel 2015, insieme alla sua famiglia, Alarnab ha trovato una nuova casa nel Regno Unito. Ha ispirato la scena gastronomica londinese con i suoi ristoranti pop-up e ha fatto una campagna a favore dei rifugiati con eventi di beneficenza. Nel 2021 ha aperto il suo ristorante “Imad’s Syrian Kitchen” nel cuore di Soho, dove serve cucina gourmet siriana creativa.

******

Alan Geaam rappresenta la cucina mediorientale a Parigi. Al St. Moritz Gourmet Festival è ospite di Fabrizio Piantanida al Grand Hotel “Kronenhof” di Pontresina. Geaam è nato in Libia ed è cresciuto in Libano. All’età di 10 anni si trasferì negli Stati Uniti con i suoi genitori ed a 24 anni andò a Parigi. Lì ha prima lottato come lavapiatti prima di ottenere per caso il suo primo lavoro ai fornelli. Nel 2007 lo chef autodidatta è diventato capo chef dell’Auberge Nicolas Flamel e nel 2018 ha ricevuto la sua prima stella Michelin. Oggi è proprietario del suo raffinato ristorante “Alan Geaam” (1 stella Michelin) vicino all’Arco di Trionfo.

*****

Gal Ben Moshe viene da Berlino a St. Moritz, dove sarà ospite di Rolf Fliegauf all’Hotel “Giardino Mountain”. Ben Moshe è nato e cresciuto a Tel Aviv, ha studiato a Londra con lo chef 2 stelle Claude Bosi e ha aperto il suo primo ristorante “Glass” a Berlino nel 2013. Dal 2018 gestisce il “Prism” di Berlino, dove serve piatti creativi e raffinati che riprendono i sapori tradizionali della regione del Levante. Ben Moshe coniuga sapientemente le idee e le filosofie della cucina levantina e degli ingredienti tipici della sua terra con le più moderne tecniche di cucina. Nel 2020 ha ricevuto la sua prima stella dalla Guida Michelin.

*****

L’Executive Chef Maxim Luvara dell’Hotel “Badrutt’s Palace” dà il benvenuto a Zineb “Zizi” Hattab. La spagnola di origini marocchine ha lavorato come ingegnere informatico fino a pochi anni fa, poi ha imparato da sé tecniche di cucina professionale e ha completato il tirocinio con Andreas Caminada a Fürstenau e Massimo Bottura a Modena. Oggi è una delle chef più talentuose della Svizzera e gestisce i ristoranti “Kle” e “Dar” di Zurigo, che servono esclusivamente piatti vegani. Nel 2020 Gault Millau ha nominato Hattab “Discovery of the Year”, nel 2021 è stata insignita della “Green Star” e nel 2022 ha ricevuto la sua prima stella dalla Guida Michelin.

Programma variopinto del festival

Anche nel 2023 gli ospiti del St. Moritz Gourmet Festival potranno assistere a numerosi eventi diversi, dove toccheranno con mano le abilità culinarie degli chef ospiti. L’evento di partenza sarà la “Porsche Grand Opening” al “Grand Hotel des Bains Kempinski” a St. Moritz. Nelle sei serate successive, al “Badrutt’s Palace” si svolgeranno esclusive cene gourmet, safari gourmet e il leggendario “Kitchen Party” con tutti i maestri chef. Eventi speciali come il “Fascination Champagne” e l’evento del vino con Caratello nella “Suvretta House”, l’“Ecco Tavolata” con Rolf Fliegauf, il “Culinary H³” a Pontresina nel “Grand Hotel Kronenhof” e l’“Hotel Saratz”, così come il “Mountain Brunch” con vista spettacolare al “Paradiso” completano il programma del festival. Gli appassionati di vino apprezzeranno l’esclusivo evento di degustazione al “Waldhaus Sils” con Martel Wines St. Gallen. La Oriental Closing NightSerata di chiusura orientale” concluderà il festival al “Kulm Hotel” St. Moritz la sera del 28 Gennaio..

Biglietti del festival disponibili online dal 2 novembre

Il St. Moritz Gourmet Festival si è affermato come un importante appuntamento annuale in Engadina. Porta nella regione i migliori chef di tutto il mondo e la trasforma in un luogo di incontro per buongustai. Come ogni anno, il St. Moritz Gourmet Festival è supportato da potenti partner, tra cui il titolo e lo sponsor ufficiale dell’auto Porsche. Alla conferenza stampa di Zurigo presso il “Baur au Lac”, Michael Glinski, amministratore delegato di Porsche Svizzera AG, ha dichiarato: “La gastronomia d’eccellenza e il marchio Porsche si completano perfettamente. Entrambi sono coinvolti in qualcosa di più di un semplice prodotto. Mirano alla perfezione, alla cura dei dettagli e alla passione”.

Un primo assaggio delle esperienze culinarie che offrirà il St. Moritz Gourmet Festival 2023, è stato fornito in conferenza stampa dal celebre chef Alan Geaam, arrivato appositamente da Parigi per l’occasione. Ha servito terrine con caviale di melanzane, anguilla affumicata e melassa di melograno. Lo chef ospite Gal Ben Moshe è stato collegato tramite streaming video. Anche lui è pieno di aspettative per gennaio e ha sottolineato: “Chi è interessato alla gastronomia non dovrebbe assolutamente perdersi il St. Moritz Gourmet Festival 2023”.

*****

La prenotazione anticipata dei biglietti del festival inizia mercoledì 2 novembre 2022. I biglietti saranno disponibili online dalle 16:00 sul sito web http://www.stmoritz-gourmetfestival.ch/en

Cena Gourmet ed Eventi Speciali individuali possono essere prenotati direttamente presso gli hotel convenzionati.

The accreditation for a participation at the

St. Moritz Gourmet Festival is possible online:

https://www.stmoritz-gourmetfestival.ch/en/accreditation

***********

Press office:

WOEHRLE / PIROLA Events & Public Relations

Briana Zimmermann,

Tel. +41 44 245 86 88

zimmermann@woehrlepirola.ch

www.stmoritz-gourmetfestival.ch

 

      a cura di Rocco Lettieri